Notizie

Bambini e cibo, come promuovere una dieta sana? I consigli della nutrizionista


Lalimentazione sana ed equilibrata dei bambini è un aspetto fondamentale per garantire una crescita e uno sviluppo ottimale. In un mondo in cui l’accesso a cibi altamente processati e poco salutari è diventato molto diffuso, è essenziale porre particolare attenzione alla qualità e alla varietà degli alimenti che i bambini consumano quotidianamente. Un’alimentazione equilibrata fornisce infatti i nutrienti essenziali di cui i bambini hanno bisogno per sostenere la loro crescita fisica, il loro sviluppo cognitivo e la loro salute generale.

Bambini, l’importanza di una corretta alimentazione parte dai genitori

Il California Prune Board (CPB), che rappresenta coltivatori e confezionatori di prugne provenienti dalla California, insieme alla dott.ssa Annamaria Acquaviva, dietista e nutrizionista per il Board in Italia, ha stilato alcuni consigli per strutturare un’alimentazione sana e bilanciata per i più piccoli.

L’infanzia rappresenta un momento cruciale poiché è in questo periodo che si gettano le basi di una buona educazione alimentare e gusti e sapori che poi i bambini si porteranno dietro per tutta la vita. I genitori giocano quindi un ruolo fondamentale per promuovere una dieta varia ed equilibrata che includa tutti i gruppi alimentari: frutta e verdura, cereali integrali, proteine magre (come carne, pesce, legumi e uova) e latticini a basso contenuto di grassi e che, al tempo stesso, limiti l’assunzione di zuccheri aggiunti, grassi saturi e sale.

Cucinare come esperienza di condivisione

Cucinare insieme ai bambini rappresenta molto più di un’attività pratica nella preparazione di pietanze. Si tratta infatti di un momento educativo importante e di un’esperienza interattiva che offre ai più piccoli l’opportunità di esplorare, imparare e divertirsi mentre sviluppano importanti abilità culinarie e nutrizionali. 

DolceVita

«Misurare gli ingredienti, seguire le istruzioni di una ricetta, mescolare e impastare, scegliere gli ingredienti facendo la spesa, sono solo alcune delle competenze che i bambini possono acquisire mentre si dedicano alla preparazione dei pasti. Queste abilità culinarie non solo li rendono più indipendenti in cucina, ma favoriscono anche lo sviluppo delle capacità cognitive oltre a rafforzare i legami familiari e creare ricordi preziosi. Infine se il bambino ha preparato la pietanza è più propenso ad assaggiarla e ad avvicinarci a un determinato alimento, anche i meno graditi come le verdure», afferma la dottoressa Annamaria Acquaviva.

Bambini e cibo, come promuovere una dieta sana? I consigli della nutrizionista

La dottoressa Annamaria Acquaviva, i suoi consigli per l‘alimentazione dei bambini

Un’altra raccomandazione fondamentale riguarda la corretta idratazione. L’acqua è la migliore bevanda per dissetarsi e dovrebbe essere la scelta preferita rispetto alle bevande zuccherate o gassate. Assicurarsi che i bambini abbiano sempre a disposizione acqua potabile durante la giornata e incoraggiarli a bere regolarmente è di fondamentale importanza per mantenere un corretto equilibrio idrico. Un aiuto per rendere l’acqua più gradevole soprattutto in estate è quello di aggiungere frutta, spezie come la cannella o le erbe aromatiche e lasciandole in infusione al fresco per diverse ore.

Occhio alle merende: niente cibi processati

Poiché gli spuntini e le merende sono spesso momenti in cui i bambini consumano cibi ad alta densità calorica e altamente processati, è consigliabile proporre soluzioni pratiche per sostituire tali alimenti e favorire l’apporto adeguato di fibre in base all’età. La frutta rappresenta sicuramente una buona scelta per introdurre questo nutriente in questi pasti, offrendo sazietà e un gusto dolce senza ricorrere all’aggiunta di zuccheri.

Bambini e cibo, come promuovere una dieta sana? I consigli della nutrizionista

Prugne californiane per una sana alimentazione

Le Prugne della California sono un alimento ideale poiché possono essere consumate in diversi modi creativi e gustosi. Possono essere servite fresche, aggiunte a smoothie, utilizzate come topping per cereali o yogurt, oppure inserite in ricette dolci come muffin e biscotti oppure in piatti salati. La loro versatilità permette di sperimentare e creare piatti deliziosi che i bambini adoreranno.

Siad

«Le Prugne della California sono un’eccellente fonte di fibre, con un apporto di circa 7g/100g, e possono utilmente contribuire a raggiungere il fabbisogno consigliato e rappresentare un benefico presidio per la salute delle ossa e per quella digestiva. sono naturalmente prive di grassi, di sodio e di zuccheri aggiunti. Hanno un alto contenuto di vitamina K e sono fonte di manganese: che supportano la salute delle ossa, certamente importante nella fase dell’accrescimento scheletrico tipico dell’infanzia. Hanno un alto contenuto di potassio e sono una fonte di vitamina B6 e di rame. Hanno un basso indice glicemico grazie sia alla presenza di fibre e sia soprattutto alla composizione dei loro glucidi, fornendo un’energia facilmente disponibile e di graduale assimilazione», conclude la dott.ssa Annamaria Acquaviva.