Notizie

Un centrifugato di verdura e frutta al posto del pasto, sì o no?


Giornate via via più calde, possono far disperdere liquidi attraverso la sudorazione: insieme al sudore, si perdono anche minerali e vitamine che vanno reintegrate. Un aiuto importante per il benessere dell’organismo può derivare dalle centrifughe di frutta e verdura, validi sostituti di bevande rinfrescanti, ma spesso troppo zuccherine. Approfondisce l’argomento la dottoressa Elisabetta Macorsini, biologa nutrizionista in Humanitas Mater Domini e presso l’ambulatorio Humanitas Medical Care di Arese in un articolo di Humanitas Salute che pubblichiamo.

I centrifugati di frutta e verdura danno un importante apporto di nutrienti come vitamine, sali minerali

I benefici dei centrifugati di frutta e verdura

I centrifugati di frutta e verdura danno un importante apporto di nutrienti come vitamine, sali minerali e molte sostanze biologiche attive come acidi organici, principi aromatici, enzimi, antiossidanti, elementi che non sempre sono presenti nell’alimentazione quotidiana.
Affinché tutti i nutrienti contenuti in frutta e verdura vengano mantenuti, è importante utilizzare una centrifuga – non un frullatore – in modo che possa separare la parte fibrosa, la polpa, i semi, la sostanza liquida.

Gli ingredienti base per i centrifugati sono frutta e verdura di stagione, a cui si possono aggiungere a piacimento semi oleosi, spezie, erbe aromatiche, germogli e frutta essiccata. Se necessaria, si può aggiungere acqua per diluire gli estratti. Considerando che la frutta è già zuccherata. è bene non addolcire i centrifugati di frutta e verdura con zucchero. I vegetali da preferire sono maturi, freschi e non avvizziti, in quanto la concentrazione dei nutrienti è strettamente legata alla loro freschezza.

Centrifugati di frutta e verdura: quando consumarli?

Una volta preparato il centrifugato, questo va consumato immediatamente dopo l’estrazione, così da poter mantenere intatte le sostanze nutrizionali presenti. Non è il caso di conservarli in frigorifero: le proprietà degli elementi contenuti, infatti, diminuiscono molto dopo l’ossidazione. Gli estratti si possono consumare in qualsiasi momento della giornata, anche prima dei pasti, a stomaco vuoto o la mattina a digiuno.

I centrifugati non sostituiscono i pasti

Gli estratti e centrifugati sono un elisir di benessere, ma non sono da considerare sostituti né dei pasti né delle consigliate e raccomandate 5 porzioni al giorno di frutta e verdura. Si possono quindi aggiungere, ma va assolutamente evitato il fai da te: si rischia di creare danni al proprio organismo. Ogni corpo, infatti, ha le sue esigenze: chi desidera intraprendere una dieta per perdere peso o un percorso alimentare, deve sempre rivolgersi a uno specialista capace di ideare un piano alimentare corretto ed equilibrato, ma soprattutto su misura, che consideri anche abitudini, sport e patologie presenti nei pazienti.