Notizie

Scopriamo le proprietà delle cime di rapa


Cosa sono e che proprietà hanno le Cime di rapa? Scopriamolo in un articolo di Humanitas Salute che pubblichiamo. Sono un ortaggio appartenente alle crucifere. Esse comprendono le foglie, gli steli e i fiori (ancora chiusi, chiamati anche broccoli o friarielli) della Brassica rapa campestris, la cui radice (“rapa bianca”) viene anch’essa impiegata a scopo alimentare.

Orecchiette con le cime di rapa

Quali sono le proprietà nutrizionali?

100 g di cime di rapa apportano in media 28 calorie e nello specifico contengono tra vitamine e minerali:

  • 0,06 mg di vitamina B1 o Tiamina
  • 0,1 mg di vitamina B2 o Riboflavina
  • 0,6 mg di vitamina B3 o Niacina
  • 0,15 mg di vitamina B6
  • 71 µg di vitamina B9 o acido folico
  • 16000 UI di vitamina A
  • 93 mg di vitamina C
  • 90 g di acqua
  • 5 g di carboidrati
  • 3 g di proteine
  • 2,3 g di fibre
  • 1,5 g di zuccheri
  • 0,3 g di lipidi
  • 48 mg di calcio
  • 0,88 mg di ferro
  • 25 mg di magnesio
  • 66 mg di fosforo
  • 325 mg di potassio
  • 27 mg di sodio
  • 0,4 mg di zinco.

DolceVita

Quando non mangiare le cime di rapa?

Ad oggi non sono note delle interazioni tra il loro consumo e l’assunzione di medicinali o altre sostanze. Nel dubbio è sempre opportuno chiedere consiglio al proprio medico.

Stagionalità delle cime di rapa

La loro raccolta avviene – in base alla semina – in autunno, inverno o primavera.

Possibili benefici e controindicazioni

Grazie all’acqua in esse contenuta (90%) e al vantaggioso rapporto potassio/sodio, presentano delle buone proprietà diuretiche. Poiché ogni 100 g di prodotto sviluppano solo 28 calorie, è un alimento che si presta ad essere inserito anche in regimi alimentari dal ridotto apporto calorico. Il loro contenuto di fibre fa sì che esse giochino un determinante ruolo nello stimolare l’attività intestinale.

Sono inoltre buone fonti di minerali (soprattutto fosforo, potassio e calcio) e di vitamine, tra cui spiccano la vitamina C che è dotata di notevoli poteri antiossidanti (fortifica il sistema immunitario e neutralizza i radicali liberi), la vitamina A, che è fondamentale per un buon funzionamento della vista (della retina in particolare), per la crescita ossea, per la funzione testicolare e ovarica e per un sano sviluppo embrionale (regola la crescita e la differenziazione dei tessuti), e la vitamina B9, che è essenziale per il benessere dell’apparato cardiovascolare e molto importante in fase di gravidanza per uno sviluppo ottimale del nascituro.

Poiché contengono elevate quantità di purine, se ne sconsiglia il consumo a chi soffre di gotta o iperuricemia. Il loro consumo è infine sconsigliato nei casi di allergia a questo ortaggio.