Notizie

Orecchie tappate in aereo: quali sono le cause e come fare


Quando si è in volo, può capitare di sentirsi le “orecchie tappate”. A volte la sensazione di avere un tappo all’orecchio è soltanto fastidiosa, altre può causare un vero e proprio mal d’orecchio. Perché accade, e come fare per evitarlo? Ne parla il dottor Stefano Miceli, otorinolaringoiatra di Humanitas in un articolo di Humanitas Salute che pubblichiamo.

Cosa fare con il male d’orecchio in aereo

Che cos’è il mal d’orecchio?

Il mal d’orecchio – o barotrauma – è una patologia che può colpire un orecchio o entrambi e che, in caso si è in volo su un aereo, può manifestarsi tramite la sensazione di avere un tappo all’orecchio (il classico “orecchio tappato”) specie verso la fase di atterraggio.
Il mal d’orecchio in aereo è causato da un disequilibrio tra il livello della pressione dell’aria nell’orecchio medio e quello nello spazio in cui ci si trova.

Perché il mal d’orecchio colpisce all’atterraggio?

Durante l’atterraggio, specie se la cabina dell’aereo non è ben pressurizzata o in presenza di un semplice raffreddore, può capitare che la pressione dell’aria nell’aereo aumenti velocemente e la tuba di Eustachio, ovvero il condotto che collega l’orecchio medio alla rinofaringe (sede della regolazione della pressione nel cavo del timpano) non reagisca con prontezza a questo sbalzo pressorio. In questa situazione, si crea una pressione negativa nel cavo del timpano che genera dolore all’orecchio. Il dolore e il senso di ovattamento, per la precisione, deriva da una retrazione della membrana timpanica.

Vota il personaggio dell'anno

Cosa fare contro il mal d’orecchio in aereo?

In caso si soffra di mal d’orecchio in aereo, una prima cosa da fare per alleviare il dolore all’orecchio è masticare la gomma. Questa abitudine stimola l’apertura e la chiusura della tuba di Eustachio e consente il passaggio di aria nell’orecchio medio compensando l’aumento della pressione esterna.

Se il soggetto è raffreddato, al momento del viaggio aereo può assumere un antidolorifico, come il paracetamolo, in modo da ridurre il fastidio e aspettare il tempo necessario che il tappo all’orecchio sparisca per effetto della normalizzazione della pressione ambientale.