Notizie

L’aglio un alleato della salute cardiovascolare


C’è chi lo ama e chi non lo sopporta. Stiamo parlando dell’aglio. Scopriamo le sue proprietà in un articolo di Humanitas Salute che pubblichiamo. L’Allium sativum è un bulbo facente parte della famiglia della Alliaceae, genere Allium. La sua origine è situata nelle regioni montagnose dell’Asia centrale, da cui si sarebbe quindi diffuso in tutte le aree temperate e subtropicali del mondo. Le varietà più coltivate in Italia sono: l’aglio bianco, l’aglio rosa e l’aglio rosso.

Tutte le proprietà dell’aglio

Quali sono le proprietà nutrizionali dell’aglio?

100 g di aglio apportano 41 calorie, suddivise nel seguente modo:

  • 9% proteine
  • 13% lipidi
  • 78% carboidrati.

Nello specifico, in 100 gr. di aglio si trovano:

  • 80 g di acqua
  • 0,9 g di proteine
  • 0,6 g di lipidi (soprattutto grassi polinsaturi)
  • 8,4 g di zuccheri solubili
  • 3,1 g di fibre
  • 5 mg di vitamina C
  • 1,3 mg di niacina
  • 14 mg di calcio
  • 3 mg di sodio
  • 1,5 mg di ferro
  • 0,14 mg di tiamina
  • 0,02 mg di riboflavina
  • 5 µg di vitamina A (retinolo equivalente)
  • 600 mg di potassio
  • 63 mg di fosforo.

È inoltre una buona fonte di allicina.

DolceVita

Quando non mangiare l’aglio?

L’aglio può interagire con l’assunzione degli anticoagulanti. Nel dubbio è opportuno chiedere consiglio al proprio medico.

Stagionalità dell’aglio

È commercialmente reperibile nel corso di tutto l’anno. Per quanto attiene alla sua coltivazione in Italia, fra ottobre e novembre si semina l’aglio bianco, che viene quindi raccolto tra giugno e agosto e può essere conservato per un lungo periodo. L’aglio rosa e quello rosso – che vengono seminati in primavera e raccolti in estate – sono invece da consumare preferibilmente freschi.

Possibili benefici e controindicazioni dell’aglio

È una fonte di antiossidanti e dei precursori di una molecola – l’allicina – che è dotata di attività antivirale, antibatterica e antimicotica. L’allicina è anche una buona alleata della salute cardiovascolare poiché – riducendo la rigidità dei vasi sanguigni – contribuisce ad abbassare la pressione del sangue. Alcune ricerche suggeriscono inoltre che l’aglio potrebbe contribuire a ridurre l’incidenza del tumore allo stomaco.