Notizie

Gastrite, ecco come combatterla attraverso l’alimentazione


Lgastrite è un disturbo piuttosto comune che si manifesta principalmente con bruciore e dolore a livello dello stomaco. 

Le cause più comuni della gastrite sono l’assunzione cronica di determinati farmaci (come per esempio antinfiammatori non steroidei), infezione batterica da Helicobacter pylori o una dieta poco equilibrata. Il quadro della patologia, quindi, può essere molto variabile e comportare una diversa tipologia di trattamento a seconda delle cause scatenanti, della sintomatologia e del livello di gravità.

Approfondisce l’argomento la dottoressa Gaia Pellegatta, gastroenterologa in Humanitas, in un articolo di Humanitas Salute che riportiamo di seguito integralmente.

Gastrite acuta o cronica: quali sono le cause?

Come abbiamo detto, la gastrite può svilupparsi in forma acuta o cronica. Gli episodi di gastrite acuta insorgono principalmente in relazione a un’alimentazione e uno stile di vita non corretti, in cui vi è un abuso di cibi grassi e irritanti e di alcolici o fumo di sigaretta, oppure in associazione a patologie tiroidee o all’assunzione di FANS (farmaci antinfiammatori non steroidei). Anche lo stress psicofisico e i traumi possono provocare episodi di gastrite. 

La gastrite cronica, invece, ha un tempo di insorgenza più lento, perdura a lungo e si sviluppa a causa di un’infezione da Helicobacter pylori. In alcuni casi la gastrite cronica può restare asintomatica per diverso tempo prima della progressiva comparsa della sintomatologia.

DolceVita

I sintomi della gastrite

sintomi della gastrite sono tendenzialmente i medesimi sia per quanto riguarda la forma acuta sia per quanto riguarda la forma cronica. A variare è la presenza di uno o più sintomi e la loro intensità.

Tra questi si annoverano:

• Bruciore

• Dolore addominale

• Crampi

• Scarsità di appetito

• Nausea 

• Vomito

Cosa mangiare e cosa evitare con la gastrite?

Il primo e più importante passo, quando si parla di gastrite, è modificare il proprio stile di vita e la propria alimentazione. Chi soffre di gastrite, infatti, deve abituarsi a effettuare pasti piccoli e frequenti e evitare alimenti irritanti e che provocano acidità di stomaco: le spezie e i cibi piccanti, dunque, ma anche il fritto e i grassi saturi.

Tra le bevande meglio evitare gli alcolici, il caffè e le bibite gassate.

Vi sono poi alcune abitudini errate che contribuiscono all’acuirsi della gastrite, come il fumo di sigaretta, una vita sedentaria e un sonno ridotto e irregolare. Per questo è opportuno evitare di fumare, seguire con costanza un’attività fisica aerobica e regolarizzare il ciclo sonno-veglia. In particolare, l’attività fisica ha effetti benefici sia sul processo di digestione, sia sul tono dell’umore perché contribuisce a contrastare lo stress.

Quali esami fare per la gastrite e come si cura?

Se i sintomi perdurano per più giorni e non si risolvono con delle modifiche allo stile di vita o all’alimentazione è opportuno consultare lo specialista che prescriverà esami di approfondimento. 

Tra questi i più comuni sono l’esame delle feci, il test del respiro utile per valutare l’eventuale presenza di un’infezione da Helicobacter pylori e l’esofagogastroduodenoscopia

L’EGDS consiste nell’introduzione dalla bocca di un sottile tubicino al cui apice è posizionata una telecamera che permette la valutazione di esofago, stomaco e duodeno. È un esame invasivo, effettuato in sedazione e ben tollerato dai pazienti che viene effettuato solo in determinati casi. 

La terapia farmacologica per attenuare la sintomatologia della gastrite prevede l’utilizzo farmaci antiacidi o inibitori della pompa protonica. In caso la gastrite si associ a infezione da Helicobacter pylori sarà invece necessario un trattamento antibiotico