Notizie

Caldo record: come combatterlo con il cibo. I consigli della nutrizionista Manzi


Si può combattere il calore estivo con il cibo? Quali alimenti (e quali bevande) possono essere utili alleati per placare la morsa dell’afa? E come poter costruire e bilanciare i nostri pasti al meglio? Ce lo dice una nutrizionista ed esperta di alimentazione. 

L’Italia nella morsa del caldo record

Ogni estate sempre la stessa storia. Sembra ormai un leitmotiv ripetitivo, periodicamente al centro del dibattito pubblico. Formulette quasi imparate a memoria: “Un estate dal caldo record”, “picchi di calore in tutta Italia”, “un’afa senza precedenti”, “mai temperature così alte”, con l’impressione che di questo passo sarà di anno in anno sempre peggio. Un’insopportabile, quanto pericolosa, calura estiva non si è fatta attendere e proprio nella settimana corrente sono previsti i tanto temuti picchi, capaci di sfiorare anche i 40 gradi nelle città più grandi. Ognuno cerca di contrastare l’afa come può e, a ben vedere, il cibo potrebbe rivelarsi un valido alleato utile allo scopo.

La nutrizionista Chiara Manzi

Per cercare di limitare al massimo gli effetti del caldo attraverso il cibo abbiamo chiesto alla dottoressa e nutrizionista (oltre a volto televisivo di Rai 2) Chiara Manzi alcuni consigli per cercare nell’alimentazione un prezioso alleato. Sfatando anche qualche tabù.

Caldo record e cibo: i consigli della nutrizionista

Dottoressa, per contrastare il caldo è sufficiente, come dicono in molti, affidarsi ad alimenti ricchi di acqua?
Non è proprio così semplice. Il nostro organismo, infatti, metabolizza tutti gli alimenti insieme ed è quindi importante il modo in cui viene composto il pasto. I liquidi come latte, succhi di frutta, ma anche altri alimenti come la carne, il pesce, l’albume dell’uovo ricchi d’acqua, possono essere una fonte di idratazione ma per ottenerne il massimo dell’efficacia occorre saperli combinare nel giusto modo per far sì che le cellule riescano a catturarne l’acqua.

DolceVita

Come dobbiamo fare allora?
In primo luogo, evitare di aggiungere il sale. Condire con spicchi d’aglio, olio di oliva extravergine di ottima qualità,  basilico in foglie o zenzero come valide alternative all’uso del sale. Come il sale, evitare anche il troppo zucchero. Consiglio di mangiare due o tre frutti al giorno e, perché no, anche un dolce, ma solo se particolarmente idratante cioè ricco di sostanze che fanno bene alla pelle come la vitamina E potente antiossidante e contenuta nella frutta secca non salata, lo zenzero e le foglie di tè verde. Se realizzi un dessert poco calorico e con questi ingredienti delizierai il palato e nutrirai anche la tua pelle.

Caldo record: come combatterlo con il cibo. I consigli della nutrizionista Manzi

Capitolo bevande, per dissetarci a cosa possiamo affidarci?
Evitare i succhi di frutti e le bevande dolcificate, sia gasate che non (es. tè freddo), perché contengono il fruttosio che, per quanto possa sembrare uno zucchero più naturale rispetto al saccarosio, cioè lo zucchero da tavola, in realtà si trasforma molto più velocemente in grasso viscerale rispetto a quest’ultimo.

Caldo record: come combatterlo con il cibo. I consigli della nutrizionista Manzi

E invece come possiamo combattere il caldo col cibo?
A colazione l’ottimale sarebbe bere una tisana o un cappuccino con latte scremato abbinandolo a un frutto e a un dolce idratante. Va bene anche il tè verde, che deve essere consumato sempre entro un’ora dall’infusione altrimenti perde ogni potere benefico. Attenzione ai cereali: spesso quelli in commercio sono ricchissimi di zucchero e sale. Consiglio di iniziare sempre il pasto bevendo due bicchieri di acqua. Prepara poi un piatto di verdure da 250 g (ne bastano 70 g per le insalate crude) ricordando il trucco: niente sale ma tante erbe e spezie per insaporire. Scegli cotture che mantengano il più possibile i liquidi nei vegetali: al vapore, nel sugo di pomodoro (per le melanzane ad esempio è fantastico), no al forno o alla griglia. Condisci sempre il primo piatto con tante verdure: perfetti sono ad esempio i risotti ai funghi, la pasta con i peperoni, i legumi. Accompagna il secondo con un buon condimento di vegetali crudi o cotti come ho appena spiegato.

Siad

Gli alcolici sono assolutamente da evitare?
Sono più che altro da limitare. Si sa, bere alcolici e superalcolici stimola la sudorazione, causa disidratazione e limita l’assorbimento delle vitamine. Per questo motivo, prima di consumare alcolici è molto importante idratarsi con acqua per dissetarsi e non rischiare di consumare frettolosamente e in eccesso la bevanda alcolica.